fbpx Skip to content

PRANZO DI
NATALE

ABBAZIA DI SANTA MARIA DI BARSENTO

Povertà d’architettura per ricchezze spirituali.
L’antichissima Abbazia di Santa Maria di Barsento è un vero e proprio gioiello del patrimonio architettonico pugliese.

Per richiedere informazioni o riservare il tuo tavolo:

  • chiama il numero 0000000000
  • visita la struttura dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12
  • scrivi una mail a info@barsentum.com
  • manda un messaggio privato sulla pagina Facebook ufficiale

La prenotazione è obbligatoria.

MENÙ

80,00 €

lorem impsum
lorem impsum dolor sit
lorem

lorem impsum
lorem

Per richiedere informazioni o riservare il tuo tavolo:

  • compila il modulo contatti in questa pagina
  • chiama il numero 0000000000
  • visita la struttura dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12
  • scrivi una mail a info@barsentum.com
  • manda un messaggio privato sulla pagina Facebook ufficiale

La prenotazione è obbligatoria.



AcconsentoNon acconsento

Povertà d’architettura per ricchezze spirituali.
L’antichissima Abbazia di Santa Maria di Barsento è un vero e proprio gioiello del patrimonio architettonico pugliese.

Rappresenta, infatti, per età e caratteristiche, un raro esempio di edificio ben conservato in stile romanico a forma basilicale. La sua storia comincia nel 591, quando le mani laboriose dei monaci di Sant’Equizio la costruirono per volere di papa Gregorio Magno sull’apice della collinetta affacciata sul canale di Pirro.
Oggi, le  semplici pareti imbiancate a calce, il piccolo campanile ancora funzionante e l’atmosfera senza tempo della chiesa rupestre disegnano la cornice perfetta per le sacre promesse d’amore eterno.

Povertà d’architettura per ricchezze spirituali. L’antichissima Abbazia di Santa Maria di Barsento è un vero e proprio gioiello del patrimonio architettonico pugliese.

Rappresenta, infatti, per età e caratteristiche, un raro esempio di edificio ben conservato in stile romanico a forma basilicale. La sua storia comincia nel 591, quando le mani laboriose dei monaci di Sant’Equizio la costruirono per volere di papa Gregorio Magno sull’apice della collinetta affacciata sul canale di Pirro.
Oggi, le  semplici pareti imbiancate a calce, il piccolo campanile ancora funzionante e l’atmosfera senza tempo della chiesa rupestre disegnano la cornice perfetta per le sacre promesse d’amore eterno.